particolare della statua di Piazza Vigliena
  • Pubblicato da

Cosa visitare a Palermo. Consigli e itinerario

Una vacanza a Palermo, la città più bella della Sicilia, per fare un viaggio nel centro del mar Mediterraneo e scoprirne la storia, l’arte, la cultura, la tradizione, il cibo e gli abitanti stessi. Possono esserci diversi motivi che ci spingono a fare una vacanza a Palermo. Ci sono tante cose da vedere e da fare, infatti la città è adatta a ogni tipo di turista. Anche la sera, Palermo ha una vita notturna molto attiva, paragonabile alla movida delle città più grandi d’Italia come Milano o Roma.

Palermo è una città in continuo mutamento, culturalmente viva e che richiama a se alcuni dei migliori street artist del mondo. Si può scoprire la città partendo dalle sue origini fino ad arrivare ai giorni nostri, come avrai già capito, ci sono davvero molte cose da visitare a Palermo. Cosa vedere? Dipende da che tipo di viaggiatore sei. Per aiutarti nella scelta, abbiamo stilato una piccola guida dei luoghi più belli da visitare e qualche consiglio su cosa fare la sera e come organizzarsi con l’alloggio.

Cattedrale di Palermo

La Cattedrale di Palermo è una struttura imponente che sorge nel centro storico della città, lungo la strada più antica di Palermo, il Cassaro. Un edificio religioso che si erge sulla città, imponente e maestoso, con la sua storia travagliata e antica quanto la città stessa. La costruzione della prima struttura fu avviata durante l’epoca punica, i Fenici costruirono una torre di osservazione che successivamente diventò la torre del campanile. Nel corso dei secoli ha subito diverse trasformazioni, assumendo ruoli diversi in base alle dinastie che si sono succedute.

Durante la dominazione araba divenne una moschea per poi tornare, al tempo dei Normanni, a essere una chiesa. Lo stile architettonico è del tutto unico, i vari stili si fondono e formano una facciata complessa ma in totale armonia. Al suo interno risaltano i mosaici di epoca bizantina, l’oro decora ogni immagine sacra presente nella chiesa.

I Quattro Canti

Nel centro di Palermo, all’incrocio tra via Vittorio Emanuela e via Maqueda, sorge piazza Villena detta anche Quattro Canti. Ha una forma ottagonale e delimita le aree dei quattro quartieri che si uniscono proprio in questo incrocio. Nella piazza si affacciano quattro edifici che rappresentano sia i rispettivi quartieri che le stagioni. Le facciate infatti, sono decorate da statue e fontane che rappresentano le divinità legate alle quattro stagioni. É uno dei luoghi centrali della città.

Chiesa della Martorana a Palermo

La chiesa della Martorana o chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, si affaccia su piazza Bellini ed è famosa per via dei mosaici bizantini, tra i più antichi e meglio conservati in Italia e nel mondo. Il nome della chiesa è legato a un vecchio aneddoto. Pare infatti che, le suore presenti nel convento adiacente alla chiesa, inventarono un dolce, ovvero, la frutta di martorana. Questo, col passare del tempo, è divenuto uno dei simboli culinari della città. L’episodio risale all’anno 1500 circa, da allora l’edificio religioso venne chiamato Chiesa della Martorana di Palermo. È uno splendido esempio di chiesa medievale in stile bizantino ma, come tutti gli edifici storici di Palermo, ha subito diversi ritocchi, mettendo insieme tanti stili architettonici, visibili soprattutto nella facciata esterna.

Palazzo dei Normanni e Cappella Palatina

Anche il Palazzo dei Normanni è una delle principali attrazioni di Palermo. Gli studiosi hanno esaminato le fondamenta del palazzo ed è stato dedotto che le prime costruzioni risalgono al periodo dei Fenici. Dopo secoli d’interventi e riutilizzi, durante la dominazione araba, viene eretta una fortificazione che inizia a somigliare a quello che vediamo oggi. Sono i Normanni che, una volta arrivati in Sicilia e aver preso il posto degli arabi, modificano ulteriormente la struttura. È interessante notare che fin dall’inizino il palazzo diventa il centro del potere dell’isola. Ancora oggi è la sede del parlamento siciliano.

Oltre a visitare le diverse stanze, si può ammirare la cappella Palatina che risale al 1129. La realizzazione fu ordinata dal re Ruggero il Normanno. La cappella è famosa per via della cupola centrale che ospita il dipinto del Cristo Pantocratore. Altra particolarità è data dalle decorazioni in oro che ornano la cappella.

Teatro Massimo di Palermo

Il più grande teatro lirico d’Italia è proprio il teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo. Terminato nel 1891, è in stile neoclassico ed eclettico, progettato dall’architetto Ernesto Basile. Sono famosissimi i due leoni in bronzo realizzati dallo scultore Benedetto Civilletti. Gli interni sono decorati e dipinti in stile liberty. Un altro particolare che ha reso celebre il teatro Massimo di Palermo è l’acustica. La particolare conformazione della sala, amplifica in modo naturale la voce e la musica ottimizzando l’acustica.

Cosa mangiare a Palermo

La cucina palermitana racchiude in se tutta l’arte e la tradizione della gastronomia siciliana. Tutti i popoli che sono passati da questa terra, hanno lasciato diversi prodotti e prelibatezze, arricchendo Palermo e la Sicilia intera. È nella cucina tradizionale e popolare che si trovano i migliori prodotti. Il cibo di strada, o street food, è l’eredità culinaria che meglio rappresenta Palermo. Nei mercati popolari come la Vucciria, Ballarò, il Capo e Borgo Vecchio, si possono trovare diverse specialità di street food come le panelle, le arancine, il pane con la milza, lo sfincione, le stigliola e la caldume. Sono tutti prodotti poveri ma che hanno resistito al tempo e che ancora oggi sono tra i piatti più consumati nelle strade di Palermo.

Anche nei ristoranti e nelle trattorie del centro si possono degustare innumerevoli piatti tradizionali come la pasta con le sarde, alla norma o al forno. Altri ancora sono la caponata, le sarde a beccafico, il polpo e le fritture di pesce misto. Non possiamo tralasciare i dolci come i classici cannoli, le cassate, la frutta di martorana o le tipiche granite alla mandorla.

La vita notturna a Palermo

Per quanto riguarda la movida, Palermo offre tante soluzioni diverse per tutti i gusti. Dai locali che offrono musica alternativa ai grandi eventi musicali con artisti nazionali e internazionali. In genere la serata si svolge passeggiando nelle diverse zone del centro storico, dove si concentrano i locali notturni. Non è affatto raro trovare musica live sulle piazze, di ogni genere, dal pop al rock, dal jazz all’ elettronica. Per chi ama qualcosa di meno rumoroso e più culturale, Palermo offre diversi spettacoli teatrali all’aperto o nei teatri del centro.

Dove dormire a Palermo

Palermo è una città fortemente turistica, per questo motivo possiamo dirvi con certezza che si può trovare ogni genere di alloggio, dall’hotel di lusso agli ostelli, dalle case vacanza ai b&b. A prescindere dal tipo di struttura che scegli, è importante trovare un alloggio nel centro storico di Palermo. Una buona posizione è comoda per ottimizzare i tempi di visita ma soprattutto perchè i mezzi di trasporto interni non sono sempre efficienti. Alloggiando nel centro, potrai visitare la città spostandoti esclusivamente a piedi, senza dover utilizzare mezzi pubblici o noleggiare un’auto.

Hotel di lusso a Palermo

Per chi desidera soggiornare in un Hotel di lusso, consigliamo il Grand Hotel Wagner http://www.grandhotelwagner.it. Un hotel dall’arredamento classico, che ricorda gli ambienti della nobiltà palermitana.

B&B a Palermo

Senza dover rinunciare al lusso ma con prezzi decisamente più abbordabili, consigliamo Il Giardino di Ballarò B&B Palermo http://www.ilgiardinodiballaro.it. Un b&b di lusso perchè inserito in un ambiente unico e dotato di tutti i comfort che offrono i grandi hotel.

Ostello a Palermo

Ai più giovani e intraprendenti, consigliamo di scegliere un ostello, l’alloggio più economico in assoluto. In particolare vi segnaliamo l’ ostello a Casa di Amici http://www.acasadiamici.com. Ottima struttura che offre un ambiente gradevole e giovanile.